Wonder

wonderOgnuno dovrebbe ricevere una standing ovation almeno una volta nella vita, perchè tutti “vinciamo il mondo”. (Auggie)

Ero indecisa tra la semplice citazione di un brano  di Wonder o un tentativo di recensione. Opterò per la prima opzione, ma una cosa la voglio aggiungere: Wonder è un libro meraviglioso. I bravi scrittori per ragazzi (ma non è un libro “solo” per ragazzi, eh) hanno questa cosa speciale di comunicarti la sensazione che si possa “vincere il mondo”, anche in condizioni molto dure, anche quando le premesse parrebbero tutte contro. E avere la faccia devastata da una tremenda malformazione che nel migliore dei casi fa distogliere agli altri lo sguardo quando ti incontrano, credo la si possa davvero definire una premessa contro. Ma i bravi scrittori per ragazzi hanno anche quest’altra cosa speciale di insegnarti a non distogliere lo sguardo.

Non ero nemmeno ben sicuro di quale fosse il motivo per cui mi stavano dando quella medaglia, in verità.
No, questo non è vero. Lo sapevo il perchè.
E’ come succede con quelle persone che si vedono in giro ogni tanto, quando non riesci a immaginare come sarebbe se fossi tu quella persona, tipo qualcuno che sta seduto su una sedia a rotelle o qualcuno che non è in grado di parlare. L’unica differenza è che io sapevo di essere quel genere di persona per gli altri, forse per ogni singola persona presente in quell’auditorium.
Per me, però, io sono solo io. Un ragazzo come tutti gli altri.
Ma, ehi, se proprio vogliono darmi una medaglia perchè sono me stesso, a me sta bene. La accetto. Non ho distrutto la Morte Nera ne niente del genere, ma sono appena uscito indenne dalla prima media. Cosa non facile e questo anche senza essere me (Auggie)

[I discorso de preside Kiapp]
C’è una frase meravigliosa in un libro di J.M. Barrie; e no, non si tratta di Peter Pan e non ho intenzione di chiedervi di applaudire se credete nelle favole…”
Qui tutti hanno riso di nuovo.
“Ma in un altro libro di J.M. Barrie che si intitola L’uccellino bianco… l’autore scrive…” il signor Kiapp ha cominciato a sfogliare un libricino posato sul podio finchè non ha trovato la pagina che stava cercando, e poi si è messo gli occhiali. “Non dovremmo forse inventare una nuova regola di vita… cioè cercare di essere sempre un po’ più gentili del necessario?
A questo punto i signor Kiapp ha alzato gli occhi sul pubblico. “Più gentili del necessario” ha ripetuto. “Che frase meravigliosa, non è così? Più gentili del necessario. Perchè non è sufficiente essere gentili. Bisogna essere più gentili di quanto ci viene richiesto. Il motivo per cui amo questa frase, questo concetto, è perchè mi rammenta che portiamo con noi, in quanto esseri umani, non solo la capacità di essere gentili, ma prima di tutto la gentilezza come vera scelta di vita…
(…) Se ogni singola persona presente in questa sala assumesse come regola quella di cercare, ovunque si trovi e ogni volta che ne abbia la possibilità, di comportarsi in modo un po’ più gentile del necessario, qualcun altro, da qualche parte, un giorno, qualcun altro potrebbe riconoscere in voi, in ognuno di voi, il volto di Dio”.
Ha fatto una pausa e alzato le spalle
“O di qualsivoglia rappresentazione spirituale politicamente corretta della divinità universale in cui vi troviate a credere”, ha aggiunto rapidamente, sorridendo, cosa che ha suscitato un mucchio di risate e tonnellate di applausi, specialmente nelle ultime file dell’auditorium in cui erano seduti i nostri genitori.

Annunci

5 pensieri su “Wonder

  1. tramedipensieri ha detto:

    Non dovremmo forse inventare una nuova regola di vita… cioè cercare di essere sempre un po’ più gentili del necessario?“
    A questo punto i signor Kiapp ha alzato gli occhi sul pubblico. “Più gentili del necessario” ha ripetuto. “Che frase meravigliosa, non è così? Più gentili del necessario. Perchè non è sufficiente essere gentili. Bisogna essere più gentili di quanto ci viene richiesto. Il motivo per cui amo questa frase, questo concetto, è perchè mi rammenta che portiamo con noi, in quanto esseri umani, non solo la capacità di essere gentili, ma prima di tutto la gentilezza come vera scelta di vita…

    Questo lo trovo molto, molto interessante e …condivido

    buona domenica
    ciao
    .marta

    Mi piace

    • Bisus ha detto:

      Non amo molto Nicholas Sparks come scrittore, ma questa volta concordo perfettamente con le sue parole scritte in quarta di copertina “Fatevi un favore, leggete questo libro, la vostra vita sarà migliore” :-).

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...