Ma quanto vuoi che possa costare?

blender1Avete presente quelle spese cieche e assolutamente inutili che si fanno senza chiedere il prezzo, pensando “ma quanto vuoi che possa costare?” Bene, oggi riflettevo sulla mia personale top five.
Al primo posto c’è sicuramente il mio ormai celebre, almeno presso i miei amici, pennello da fondotinta. Decisa (con qualche lustro di ritardo) ad abbandonare il mio aspetto acqua e sapone e sfruttare i vantaggi di un buon make up, sono andata al reparto profumeria della Rinascente a farmi consigliare dalle espertissime e disponibili commesse. Scelto un fondotinta abbastanza costoso, stavo andando alla cassa in preda a sensi di colpa di vario genere, quando la signorina si fermò come colta da illuminazione improvvisa, e mi chiese se avessi un pennello da fondotinta. Dissi di no, che credevo bastasse la spugnetta. Disse che non potevo assolutamente non avere un pennello da fondotinta. Le credetti. Pensavo al massimo a 10 euro. Erano 40. Era di Armani. Non ho avuto il coraggio di dire niente e ho tirato fuori il bancomat piangendo dentro. Mi sono odiata profondamente. In due anni devo averlo usato 10 volte (ma si, l’aspetto acqua e sapone non è così male anche dopo i 40… specie se non hai a casa la signorina della Rinascente). Dopo ho saputo da amiche molto esperte e sempre impeccabili, che sarebbe andato benissimo un pennello Sephora da 10 euro.
Ci penso sempre a far costruire una teca per quel pennello e tenerlo lì, a futura memoria…

Annunci

23 pensieri su “Ma quanto vuoi che possa costare?

  1. tramedipensieri ha detto:

    ahha hahha hahah ahha hah ahhah
    scusa
    come ti capisco…:|
    A me è capitato con una spazzola per asciugare i capelli. Acquistata da una parrucchiera. e’ successa la stessa cosa!
    Anche io ho pensato costasse sulle 10\20 euro…no!
    Ben 45!!

    ricordo la rabbia, mi durò una settimana!
    Sai quante volte l’ho usata? massimo tre…..
    😦

    Dalla volta ho imparato…
    come dicono…c’è sempre una prima volta…

    ciao
    .marta

    Mi piace

  2. swannmatassa ha detto:

    Tutto questo è terribile, giuro, mi vengono i brividi. Tutte le volte che sono stato trascinato dentro da kiko dalla mia fanciulla, ad esprimere pareri su ombretti e smalti, ho avuto la sensazione di un luogo di violenza, ma per voi donne, dico. Eppure vi piace tanto. C’è qualcosa di insano e masochistico, nel vostro rapporto col trucco

    Mi piace

    • Bisus ha detto:

      Vabbè, te ne dico un altro: due braccialini fatti con fili di plastica riciclata comprati a Città del Sole. Erano in un cestino alla cassa con un cartello che descriveva il progetto equo e solidale nell’ambito del quale erano stati fatti. Ne ho afferrato due, senza pensare e li ho aggiunti al resto della spesa (che non era poca!). Costavano 10 euro l’uno!!! 10 euro!… avrei detto massimo 5 esagerando… e giuro che io non sono una che sottostima il lavoro e la creatività degli altri!!!! Ho “pianto” di meno, perchè almeno quei soldi sono andati (spero) a chi ne aveva più bisogno dei tizi del pennello, ma ci sono rimasta malissimo 😦

      Mi piace

  3. lupus.sine.fabula ha detto:

    Eh forse la Rinascente non è proprio il luogo adatto in cui andare a fare acquisti, o meglio… in cui andare a farsi consigliare dalla commessa…
    E’ il vaso di Pandora, quel luogo, ma proibitivo tanto!
    Un pensierino per la teca, ce lo farei… 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...