No, io non sono

Io credo che la parte più brutta nell’essere etichettati sia il verbo essere. Forse lo dico perché per mia fortuna non sento quello che mi urlano gli automobilisti in fila dietro di me negli incroci, o perché non mi è mai capitato di essere insultata direttamente. Ma la penso così. E’ quel “tu sei” la parte più pesante. L’aggettivo può anche essere un dettaglio. E’ quel costringere nel verbo essere all’indicativo (il modo della realtà e della certezza, l’ho ripassato con mio figlio ieri sera) i mari in tempesta che si agitano dentro di  me. Attenzione eh, non vorrei scoraggiare nessuno: se dovete dirmi cose tipo “sei adorabile” o “sei fantastica”, siete i benvenuti (potete  anche scriverlo nei commenti o via mail). E, anche se un po’ meno, lo siete anche quando dovete ricordarmi “sei una frana” o dirmi “sei una rompipalle”. No, sto parlando proprio di etichette.  Se mollo il trolley vicino a un distributore automatico della stazione Termini e mi faccio rincorrere da una ragazza inglese che urla “your bags!!!” sono innegabilmente una frana (e anche una frana dannatamente fortunata). Sono cose tipo “sei troppo buona” che proprio non vanno. No, scusate, ma mi sento proprio di dirlo: “no, io non sono”. E siccome temo di averlo fatto anche io qualche volta, vi chiedo scusa: anche voi, non siete. Noi non siamo.

Advertisements

24 pensieri su “No, io non sono

  1. milva ha detto:

    Cara Sandra il vero problema, a mio modesto parere, non è quel “tu sei” che viene dagli altri perché, diciamolo pure con le parole del sommo poeta “non ti curar di loro ma guarda e passa”. Il vero problema sono le autodefinizioni: ” io sono fatta (o) cosi” per giustificare e far accettare comportamenti inaccettabili.

    Mi piace

  2. azzappu ha detto:

    E vogliamo parlare dei ‘non hai’? tpo ‘non hai capito’. Giusto oggi un collega me lo sbatte in faccia, io respiro, non gli dico “hai ragione, non ho capito ora, l’ho capito 20 minuti fa, all’inizio di questa inutile discussione sul sesso degli angeli”. No, gli dico “si che ho capito”, rispiego la tesi, l’accetta e vado in bagno con uscita ad effetto dicendo: “mi devi una vescica nuova”

    Mi piace

    • Bisus ha detto:

      Si, anche il non hai capito meriterebbero un post. Io quando ci riesco, quando capisco di parlare con uno da “non hai capito”, provo ad anticiparlo con “aspetta, vediamo si ho capito…”

      Mi piace

    • Bisus ha detto:

      Bentornata! Anche a me è capitato di dovermi iscrivere nuovamente ad alcuni blog dai quali mi ero cancellata senza accorgermene.
      In effetti si sentiva la tua mancanza 🙂
      Abbraccio grande

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...