maglie parte 1

E’ come per il cassetto delle divise da calcio. Io ormai a tenerle piegate quelle maglie fatte di tessuti scivolosi e indomabili ci ho rinunciato, per cui le butto lì in un cassetto, tutte insieme. E loro, i figli, lo sanno che in quel cassetto si può rovistare a volontà per scegliere la maglia per l’allenamento, a seconda che quel giorno ci si senta più Messi o Tévez. E sanno che non bisogna cercare di tenerlo in ordine quel cassetto: basta che si riesca a richiuderlo e che niente sporga fuori.
Ecco, per alcune cose, maglie da calcio ma anche certi pensieri, forse bisogna fare così, rinunciare a mettere sempre in ordine. Basta accontentarsi di tenere tutto insieme in un cassetto, alla rinfusa, anche se per tirare fuori quell* giust* bisogna rovistare un po’.